Blog Archives

le ore corrono, le energie sono scarse

nelle frattaglie del tempo già scarso lavora al calendario 2014 e da oggi anche a qualche cartolina per natale – è domenica, prova pure a pulire casa quel tanto che non la presenti al suo cinquantesimo sommersa nella zozzura! poi prepara qualche compito per la scuola: esercizi di comprensione del testo, di inglese, di tedesco, e una mappa del mondo da ritagliare e colorare
le sembra tutto molto difficile

fuori schiarisce e le finestre spalancate della camera fanno entrare un’aria quasi tiepida, se ne accorge appena, mentre sistema gli scatoloni sugli armadi

muore un poeta che ha a lungo sofferto
un’altra buona ragione per tacere – ed ascoltare

Signore, non sono qui
per fare la ruota come un pavone
ma neanche per battermi il petto
domandando perdono.
Io sono solo un bambino
che piange e arranca e fatica.
Io muoio su una croce diversa
mordendo i chiodi
e spingendo i piedi
verso il basso a sentire
l’erba che cresce.




è difficile riprendere dopo una lunga pausa
si sta meglio, probabilmente, senza confrontarsi troppo spesso con il silenzio noioso del blog – ma a volte penso che sarebbe peggio se ci trovassi del rumore inutile

… mai contenta?

+
durante questa sessione di esami ho realizzato disegni meno convincenti del solito – sarebbe nascondersi dietro a un dito attribuirne la responsabilità alla pessima atmosfera che si respirava a scuola

.



(altro…)

il blog tace
(quasi) nessuno sembra farci caso

pertanto continuo a prendere il mio tempo – e non il vostro

] la borsa è di pelle azzurra
gliela regalò suo padre quando aveva quattordici anni [

 

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.



RIFLESSIONE A
glass scrive musica che piace soprattutto alle donne, piuttosto leziosa e accondiscendente
ascolto glassheart di maria bachmann – ideale per quel genere di signora che si ritiene musicalmente preparata e sensibile, con gusti che in realtà si orientano verso la retorica e il dilettantismo tipici per esempio di certe mostre finto artistiche di provincia – per me è un disco da anticamera o da spa (che trova il suo meglio nell’esecuzione di schubert)

questa attitudine quasi materna nell’accondiscendere esteticamente senza approfondire propria di tante donne è demoralizzante, per quanto sia consapevole che il gusto comune si attesti su livelli esasperanti di mediocrità indipendentemente dal genere
come scrivevo su fb, scarpe e scelte musicali sono discreti indicatori di fragilità estetica (a volte basta un dettaglio a raccontarci una data realtà – mi tornano in mente un passaggio di fernanda pivano in cui descrive le povere scarpe di plastica da emporio operaio di jack kerouac e di conseguenza il racconto dai vagabondi del dahrma in cui lo scrittore scala una montagna in compagnia della sua guida spirituale indossando fragili calzature di tela inadeguate all’impresa)

(altro…)

nel frattempo si torna a scuola
fortunatamente a udine

 


 

«Tutti sappiamo- dice Danilo Dolci alle mamme di Partinico, nella prima pagina del suo nuovo libro – come è necessaria una scuola nuova.
Si potrebbe far crescere con le idee della gente, o senza le idee della gente. Siamo qui per domandarci quali sarebbero i consigli per questa scuola, come sognate una scuola per i bambini vostri, come la vorreste… ».

Le mamme, dapprima timide e disorientate, prendono via via coraggio a parlare, raramente interrotte da una domanda, dall’invito a precisare un concetto, da una sottolineatura.
Il Socrate che coordina il dialogo, lo pungola, lo alimenta discretamente di stimoli, non è il furbo stratega che guida i suoi Fedoni e Fedri e Critoni per una strada nota a lui solo, perché arrivino dove vuole lui: ha in mente una meta, la creazione di un nuovo centro educativo, ma non vuole precisarla senza il contributo «della gente»; ha esperienza e cultura, la sa ripartire alla pari con l’interlcutore più semplice, primo perché rispetta la sua esperienza e la cultura (magari analfabeta) di cui lo sa portatore, secondo perché pensa che la nuova istituzione avrà fondamenta più profonde se crescerà « con la gente » e farà crescere tutti coloro che ci lavoreranno.

6 luglio 1973
gianni rodari recensisce il libro di danilo dolci “chissà se i pesci piangono”
[continua qui]

sempre sul blog di giuseppe casarrubea: danilo dolci visto da carlo levi

da stampare e divulgare
click sull’immagine per scaricare il pdf

.