visioni e revisioni sotto l’albero
(evitando di pensare al pessimo sequel di Blade Runner)

cc001
cc002
cc003
cc004
cc005
cc006
cc007
cc008
cc009
THE WOLF OF WALL STREET
cc011

un anno in una foto

auguri d’amore
ce n’è sempre bisogno, all the way

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

2017

28 dicembre 2017 0903
quest’anno a natale ha ricevuto davvero pochissimi regali. i suoi sono molto anziani e preferiscono mettere sotto l’albero una busta con alcune banconote di grosso taglio. il numero delle persone che frequenta si è ridotto via via e di conseguenza gli scambi, anche quelli festivi, si sono diradati.
è una situazione di cui si attribuisce parzialmente la colpa, gli ultimi due anni sono stati frenetici e faticosi, si è dimenticata troppo spesso di scadenze e relazioni, ha tirato avanti a testa bassa. gli impegni mondani sono spariti dalla sua agenda, complici quest’anno un orario scolastico inclemente e la stanchezza malaticcia che ne è conseguita.
si è seduta da sola ai concerti, per ascoltare musiche di nicchia, ha visto qualche film, una cara amica ha lasciato la città per lidi lontani, l’altra è latitante e impegnata altrove.
ha trascorso da sola il suo 54esimo compleanno.
l’anno si chiude con la salute traballante, la casa ancora senza mobili e senza visite, i suoi vecchi sempre più vecchi e i loro sorrisi fragili che scaldano il cuore provocando una fitta profonda.
si rifugia spesso nei ricordi, annaspa, cazzeggia e cincischia, fa male il suo lavoro o non lo fa proprio. la mediocrità la avvolge come un cappotto.
solo gli occhi si salvano, lo sguardo si posa inesausto sul mondo, sui dettagli dimenticati, sui grani di polvere, cavalca i refoli di bora e si intrufola nei meccanismi dei giocattoli che hanno smesso di funzionare, paladino dell’inutile.
in questi mesi si è regalata molti libri che forse prima o poi leggerà [come un caro amico di famiglia di 95 anni le diceva giorni fa al telefono, anche lei ama vederseli attorno i suoi libri, sfogliarli, toccarli, percepirne la compagnia, sapere che molte risposte e domande sono custodite tra le loro pagine chiuse].
il regalo frugale di un’amica di lunga data invece, è una busta in carta marrone con dentro un paio di fogli a4 e una cartolina su cui sono stmpate a bassa qualità leggende polinesiane. un’ottima idea veloce per il prossimo calendario, che se vedrà la luce sarà altrettanto frugale e a scarsa risoluzione, facile da spedire o da infilare in un libro o in un cassetto per essere dimenticato.
fuori il cielo è color piombo, la casa è calda, la radio fa compagnia, la tosse purtroppo non dà tregua, la vita a suo modo, neppure
merry past-X-mas

PicsArt_12-25-05.03.08 PicsArt_12-20-09.15.10 2017-28-12-09-15-18

 

 

ho visto tramonti
e grandi soli neri

e voi – cosa avete visto?

{ mentre scrive, i caratteri si disperdono -
coriandoli senza carnevale }

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

2017-11-11-18-08-38
2017-11-11-18-07-08.jpg
2017-11-11-18-16 700
2017-11-11-18-18-27
2017-11-11-18-20-14
2017-11-11-18-21-10

music: exploding star orchestra – black sun

prima che fosse estate

testa6_1
testa5_1
testa4
testa3
testa2
testa1

sono trascorsi molti mesi
sono trascorse abitazioni, decisioni, discussioni
sono trascorse città -
vita in transito in mezzo ad altre vite in transito
le capita di inciampare / e di poter vedere, a volte per pochi istanti, l’animo di altri messo a nudo

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

la sua nuova casa è di luce, di polvere
è disordinata e spaziosa, in attesa di trovare il suo assetto
la sua casa ancora sconosciuta, le finestre verso il mare
gli scricchiolii dei pavimenti e le porte che chiudono male

ha più anni e meno tempo
molti libri da leggere
〈 con voce scarsa – leggere al silenzio 〉

PicsArt_09-17-09.14.23
PicsArt_09-16-09.53.55
PicsArt_10-25-04.46.53
PicsArt_09-24-11.27.12
PicsArt_11-01-09.37.19

il tempo prosegue nell’incertezza di un corpo che risponde con fatica, approfittando poco del presente e dei suoi splendori nascosti dietro ogni angolo dell’incredibile città che ha il privilegio di abitare

si accorge di non aver enunciato, di non aver sancito il passaggio in modo chiaro, di non aver pubblicamente esultato o declamato. ma come scritto sopra sono mesi affaticati, e il fiato sempre corto, scarso e bruciante, costringe a un razionamento continuo delle energie rimaste

ha fotografato per frammenti, di corsa, si è sporta dai finestrini e dai davanzali, per cogliere malamente aspetti di un panorama incantato più che incantevole. ha finto di stare in piedi perfettamente quando in realtà barcollava, potendo contare sulla disattenzione generale e non tanto sulle sue doti recitative.

così, degli ultimi mesi, può raccontare solo il caldo agli occhi e le nostalgie, il senso di ansia per un orologio sempre in corsa mentre osserva un perenne fermo immagine esistenziale. come scriveva a fine estate tra i disegni, camminare con la sabbia fino alle ginocchia

attraversando un mondo cui non sa se potrà mai appartenere davvero

0217 023
0217 006
0217 014
0217 003
0217 002
0217 011
0217 007a